Cazzate, Pensieri, Post

La partita a scacchi

Vedi che la partita si mette male, hai giocato tutte le carte migliori, le strategie, le mosse più improbabili, hai cercato in tutti i modi di ribaltare il risultato senza riuscirci.

Hai provato con le torri, gli alfieri, hai mandato in avanti i cavalli. Non è servito a niente. Ti ritrovi sempre con le solite difficoltà di prima, sembra che non cambi niente, non importa cosa tu faccia.

Perdi i pezzi, vengono decimati, sono sempre meno, ormai non si vede altra strada che non sia la resa. Non hai scampo, sei destinato a soccombere.

Il re ormai è finito, non può più vivere.

Scorri con lo sguardo tutta la scacchiera, non vedi via di uscita. Poi la soluzione si materializza davanti ai tuoi occhi. Sorprendi il tuo avversario, la folla si alza in piedi. Tutti sono sbigottiti.

Applausi.

Sacrifichi la regina. Lei non ci sarà più, ma il re è salvo.

Scacco matto. Hai vinto.

Se devi salvare il re, non aver paura di scaricare la regina.