Cazzate, Post

Cosa fare in caso di attacco di un orso – la guida definitiva per sopravvivere (ma anche no)

Capita spesso di aggirarsi per i boschi del Canada e di imbattersi in un orso. A chi non è capitato?

Ed è per questo che ho deciso di scrivere la guida definitiva per sopravvivere all’attacco di un orso.

L’orso, al contrario di quello che siamo portati a pensare, non è un animale puccioso e carino. In generale, nessun animale selvatico lo è. Più semplicemente, gli animali selvatici sono delle bestie incazzose, muscolose che se ti prendono ti schiacciano, ti mordono, ti fanno a pezzi, ti incornano, ti inzannano poi ti sputano via e sei morto. Quando ti va bene.

Se tra un fungo e l’altro nella vostra passeggiata per le verdi valli del Québec vi imbattete in un orso, queste sono le regole fondamentali per sopravvivere:

1- Non scappare
Sembrerà un controsenso, ma è meglio non mettersi a correre davanti a un orso. Gli orsi sono permalosi e potrebbero pensare che li stai prendendo in giro per la loro stazza. Loro interpretano la corsa come un “gne gne gne, io sono magro, agile e scattante e tu orso sei grasso e peloso”.
In ogni caso l’orso è più veloce, corre a 40/50 km/h, quindi ti raggiungerà, ti schiaccerà, ti masticherà e ti sputerà anche solo per il gusto di farti rimpiangere di averlo deriso per la sua stazza.

2- Non lottare
Anche se il tuo maestro di Wing Chun ti ha dato la cintura arcobaleno con le stelle rotanti e il centoquarantesimo grado di super allievo, il wing chun non serve contro una bestia alta 1.50m al garrese e che pesa fino a 600kg. Probabilmente il wing chun non serve nemmeno contro un nano da 30kg, ma questi sono problemi tuoi e di tutti i soldi che butti nell’acquisto di cinture colorate.
Se provi a lottare contro un orso, quello ti riderà in faccia (il verso dell’orso che ride è qualcosa di simile a “grrrrrr”), ti schiaccerà, ti masticherà e ti sputerà.

3- Non fingerti morto
L’orso non è un animale puccioso, come già detto, né tantomeno è un animale compassionevole. L’orso mangia tutto quel che trova e nel dubbio un morso te lo darà. Non appena sentirà il sapore del tuo sangue sgorgare dal morso che ti ha inflitto, non esiterà a consumare il suo pasto. Poi ti schiaccerà, masticherà i tuoi resti e li sputerà.

4- Fingiti poco saporito
L’orso, devi sapere, è un buongustaio. Assaggia anche i cadaveri (vedi sopra), ma solo se sospetta che siano di ottima qualità.
Per fingere di essere poco saporito e convincere l’orso a desistere, dovrai darti un morso a un braccio e poi rivolgerti all’orso con una espressione disgustata. Fai versi, sconsiglia apertamente la tua carne. Se sarai abbastanza convincente, l’orso dovrebbe scuotere la testa, sbuffare (lo sbuffo dell’orso è qualcosa si simile a “grrrrrr”) e lasciarti stare. È molto probabile che ti lancerà anche un sasso, così, tanto per sbeffeggiarti. Considerata la forza di un orso, quel sasso ti ucciderà.
A quel punto ti schiaccerà, ti masticherà e ti sputerà.



Geniocrazia, il nuovo romanzo edito da Fucine Editoriali

Clicca qui per saperne di più!






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *