Geniocrazia, i geni al potere?

Geniocrazia : ROMANZO, SATIRA DISTOPICA, Edito da Fucine Editoriali

Ci sarà da ridere, poi da riflettere.

Perché ogni distopia non è mai troppo lontana dalla realtà.

Il Commodorato delle Alpi è governato dalle persone più intelligenti del paese, solo loro hanno diritto di voto e di sedere in Parlamento. La Geniocrazia è la nuova forma di governo.
Daniel è stato scelto da bambino per il ruolo di Commodoro, la carica più alta di governo. Educato dalla prima infanzia alla cieca obbedienza al Partito, Daniel una volta maggiorenne si trova a fare il suo ingresso in Parlamento. Ma la realtà è veramente quella che gli hanno sempre raccontato?

CLICCA QUI PER ORDINARE GENIOCRAZIA

Copertina geniocrazia, romanzo, satira distopica

CLICCA QUI PER ORDINARE GENIOCRAZIA

Cosa accadrebbe se solamente le persone più intelligenti potessero partecipare alla politica e far parte del Governo? Non sarebbe forse un sogno avere sempre e solo persone competenti a tenere le redini del paese?

Forse potrebbe funzionare, sarebbe sufficiente un test del quoziente intellettivo, ammesso che tale test esista e sia affidabile, per scremare subito e assegnare una licenza di voto.

In questo romanzo avviene la stessa cosa: i bambini vengono selezionati sulla base di un test che assegna loro un’etichetta adesiva da tenere attaccata al collo e che indica il punteggio ottenuto.
I migliori ottengono il diritto di voto.

Tra i migliori, le punte di eccellenza nel punteggio vengono educate alla vita politica. Saranno loro, i “geni”, gli unici ammessi a entrare in Parlamento e a prendere le decisioni più importanti per il paese intero.

Ma cosa accadrebbe se qualcuno riuscisse a sabotare i test per i propri interessi? Se al potere andassero i più stupidi mentre i più intelligenti fossero confinati a una vita per strada con un’etichetta fasulla?

Quanto è facile governare gli stupidi…