Cazzate, Post

Irrigatori automatici

In previsione di qualche giorno passato in giro lontano dalle mie piantine sul terrazzo (quest’anno ho fragoline di bosco, fragole, basilico e un esperimento con lo zenzero), ho dovuto premunirmi di irrigatori automatici.

Non voglio che le mie piantine soffrano la mia lontananza e spero in questo modo di averle salvate dal caldo e dalla nostalgia del loro paparino.

Adesso che loro posso bere da sole mi sento come quei genitori che, dopo anni passati ad accudire i propri figlioletti, se li vedono sfuggire, si allontanano, raggiungono l’indipendenza e non hanno più bisogno della famiglia.

Quindi, insomma, mi sento proprio bene.

Domani sera posso stapparmi una bottiglia di vino senza aver paura di essere troppo ubriaco e di dimenticare di dare l’acqua alle piante.



Geniocrazia, il nuovo romanzo edito da Fucine Editoriali

Clicca qui per saperne di più!






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *