Key6, i codici, gli acquisti online e l’incompetenza di chi fa leggi idiote

Non bastavano le leggi sulla privacy a manifestare l’inettitudine di chi governa un paese.
È ovvio che le persone capaci non abbiano bisogno di andare in politica per garantirsi uno stipendio e quindi dobbiamo mantenere questa gente che altrimenti sarebbe disoccupata a chiedere l’elemosina per strada. Il parlamento italiano è un modo generoso per togliere qualche centinaio di barboni dalla strada.

Gli imbecilli li mandiamo lì, così possiamo sapere dove stanno tutto il giorno, a meno che non riescano a scappare. In tal caso ci auguriamo che facciano un brutta fine in uno dei festini a base di coca e puttane.

Da Gennaio questi geni del manicomio si sono inventati il “key6”, una stronzata nominata come se fosse una grande trovata di marcheting (perché il marketing, invece, è una cosa seria).

Chi legifera in materia di internet è prima di tutto un povero mentecatto (perché altrimenti non farebbe il politico ma farebbe un lavoro vero) e poi, soprattutto, è un ignorante. Gente che non sa nemmeno usare il computer o il tablet che gli paghiamo, se non per giocare al solitario.

Da Gennaio, per fare acquisti su internet, questo grande mostro demoniaco che ruba i dati, truffa e distrugge l’economia, sarà necessario anche un codice in più.
Con delle leggi normali è sufficiente l’avviso via sms e email delle spese che si fanno con la carta di credito per sapere cosa succede e capire se è in atto un furto oppure no, ma e leggi normali le fanno persone normali e direi che non è proprio il nostro caso.

Adesso oltre al codice via sms o email, bisogna mettere un altro codice che presumibilmente ognuno di noi si appunterà su un foglietto o, ancora peggio, su una nota sul cellulare per non dover tutte le volte accedere alla app della banca.
Wow, abbiamo risolto il problema delle truffe online! Siamo dei geni!

A nessuno dei votanti è venuto in mente che in un paese di analfabeti informatici, complicare i processi per l’accesso a tutto ciò che è online è un modo per allontanare la gente da tutto ciò che è online? Via piace così tanto andare in giro con pezzi di carta, stampare documenti e scontrini? La risposta è sì, perché siete degli incompetenti incapaci di mettersi a capire come funziona qualcosa che non conoscete.

State rendendo internet un posto peggiore del mondo reale, state facendo di tutto perché avete paura di quello che non conoscete, in piena continuità con la vostra tradizione di falsi religiosi e censori quali siete.

Questa è una delle classiche leggi create sulla base della vostra esperienza personale. Ma se voi siete degli idioti, è logico che abbiate esperienze personali da idioti e se vi siete fatti fregare mille mila milioni di soldi su internet, la colpa non è di internet, è solo vostra.

Non bisogna stare lontani da internet o renderne difficile l’accesso, bisogna solo che ne stiano lontani gli incompetenti e che inizino ad avvicinarvisi solo dopo aver imparato a usarlo.

Grazie parlamento italiano

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: