La storia dell’umanità spiegata a una bimba di 9 anni

La pargola torna a casa con una notizia da scuola: la prossima settimana c’è l’interrogazione di storia. Fingo di non saperlo, anche se in realtà con le app del registro elettronico so anche quante volte è andata in bagno. Mi chiedo cosa si stano inventando le orde di ragazzini rincoglioniti che affollano i bar la mattina per nascondere le loro fughe in orario di scuola.

Argomento: babilonesi e ittiti.

Chiedo di essere edotto su quanto studiato per verificare la preparazione dell’erede.
La interrompo dopo pochi secondi in cui ha ripetuto a memoria le frasette fatte del libro, frasi come “grandi conquistatori”, “si espansero fino…”

Le chiedo “lo sai cosa vuole dire che erano grandi conquistatori?”
“Vuole dire che conquistavano le altre città.”
“E sai questo cosa vuol dire in pratica?”
Si guarda intorno spaesata e probabilmente cerca la mamma, la nonna o chiunque possa portarla via di qui, “Vuol dire arrivavano nelle città… e poi le conquistavano. No?”
Mi alzo in piedi e mi liscio la barba che non ho. “Certo, ma per arrivare nelle città usavano i soldati, e sai questo cosa vuol dire?”
Leggo il terrore nei suoi occhi, cerca una via d’uscita ma la porta è troppo lontana. “No”.
Sfodero il sorriso malvagio, spengo la luce e mi punto una torcia in faccia per rendere tutto ancora più teatralmente pauroso. “Vuol dire che li ammazzavano tutti. E basta. Questo vuol dire conquistare la città.” Sfoglio il libro di storia di quarta elementare e trovo subito quello cercavo. Gli ittiti erano un popolo di guerrieri. Punto il dito sulla frase “sai cosa vuol dire che erano guerrieri?”
Lei scuote la testa.
“Che andavano in giro e ammazzavano tutti”
“Quindi tutti dovevano solo ammazzare gli altri?”
“Questa è la storia dell’umanità, mia cara. Sopravvive solo chi ammazza l’altro”
“Ma quindi gli uomini di Neanderthal…”
“Morti tutti. Ammazzati”
“Gli egizi…”
“Ammazzati”
“Perché?”
Mi punto di nuovo la torcia sotto il viso. “Perché è così che funziona l’umanità. Ammazzare qualcuno e derubarlo.”
“Anche ora?”
“A cosa credi che servano i militari?”
“Per…”
“Ci serve il petrolio, ci servono i metalli, ma noi non li abbiamo. E allora mandiamo l’esercito a fare in modo che nei posti in cui c’è petrolio, metalli e gas non si accorgano di quello che hanno. Nel frattempo li derubiamo di tutto. Vedi, per esempio, io sono seduto qui sul divano, facciamo finta che questo sia il cuscino più morbido di tutti, non vorresti venire a sedertici sopra?”
Con un balzo mi è addosso e i suoi 40 chili mi fratturano qualche vertebra i cui frammenti iniziano a vagare per la mia schiena. “Io mi ci siedo sempre!”
“Lo vedo… ma il punto non è questo. Facciamo finta che non ti possa sedere su di me, come si fa?”
“Per favore ti sposti?”
“No”
“Dai…”
“No”
“E allora come si fa?”
“Come facevano gli ittiti, come fanno gli americani e come facciamo noi”
“Ammazzo tutti?”
“Brava, ora sei una vera patriota”

Un commento su “La storia dell’umanità spiegata a una bimba di 9 anni”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: