Cazzate, Post

Mia figlia vuole fare la youtuber, il segreto per dissuaderla (o almeno farla ragionare)

C’è un essere umano molto basso che si aggira per casa mia sporcando, demolendo e monopolizzando la televisione.

Spesso mi sveglia la mattina saltandomi sulla schiena, apro gli occhi con l’ausilio di una pinza e chiedo,
“Chi sei?”
“Sono tua figlia”
Mater semper certa, pater numquam
“Eh?!”
“Non importa”

Ieri abbiamo avuto una discussione su cosa vorrà fare da grande. Fino a poco tempo fa aveva in mente di diventare una veterinaria, poi ha pensato di “fare quella che lavora con gli insetti”. Credevo volesse fare la cuoca in un ristorante cinese e le ho regalato un wok tradizionale in acciaio.

Ieri mi ha detto che vuole fare la youtuber.

Mantengo un certo contegno, probabilmente la stessa sensazione di assurdità l’hanno provata i miei quando alla stessa età ho detto loro che volevo fare il benzinaio perché mi piaceva l’odore della benzina e non si faceva niente tutto il giorno.

Assumo l’espressione seria da adulto che non ha mai sniffato benzina in vita sua.
“La youtuber? Ehhhh non è mica facile”
“Ma come no?”
“C’è da studiare tanto”
“Ma no… basta fare i video”
“Bisogna studiare marketing, copywriting, storytelling e anche un po’ di regia”
“E cosa sono?”
“Devi studiare le parole giuste da dire, mica fai un video a caso. Devi recitare”
“Come gli attori?”
“Come gli attori”
Guarda per terra, seria. “Posso imparare a fare l’attrice”
“Brava. Bisogna studiare tanto. E poi cos’altro sai fare?”
“I vidii” (plurale di video)
“I video”
“Sì”
“Ma tutti sanno fare i video. Devi saper fare qualcosa che nessuno ha ancora fatto o che nessuno sa fare bene come te”
“E come si fa?”
“Bisogna studiare il settore, fare un’analisi del pubblico e su come generare leads su ogni segmento di pubblico a cui ti rivolgi”
“E tutta questa roba la dicono a scuola?”
“In alcune scuole sì”
“Allora devo studiare in quelle scuole”
“Sì”
“Quanto devo studiare?”
“Tanto, tanto.”
“No, dai, allora voglia fare la gelataia”



Geniocrazia, il nuovo romanzo edito da Fucine Editoriali

Clicca qui per saperne di più!






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *